seguici su facebook link | twitter link | instagram link | G+ link | Professionelle Stadtführungen in Aosta und im Aostatal
chemp_museo_a_cielo_aperto

Chemp un museo a cielo aperto

Il villaggio che riprende vita…

 

Chemp è oggi un museo a cielo aperto. Un luogo magico e suggestivo, tutto da scoprire ma mi raccomando… andateci in punta di piedi!

Siamo a Perloz, piccolo paese di media montagna nella Valle di Gressoney. Chemp è un villaggio un po’ fuori dal mondo, un museo a cielo aperto e per questo estremamente affascinante, un luogo magico che rivive grazie alle sculture di Giuseppe Bettoni, detto“Pino”.

 

 

Il villaggio di Chemp

Un villaggio di montagna, circondato da bei castagni e in cui si respira l’atmosfera dei tempi passati tra baite, granai seicenteschi e fienili è possibile ammirare le sculture del bravo artista, uno dei più apprezzati scultori della millenaria Fiera di Sant’Orso. Un villaggio di montagna rinato grazie alle opere d’arte di Pino e di alcuni suoi amici-colleghi, che hanno animato scorci suggestivi di questo angolo di Valle d’Aosta.

 

Passeggiando in punta di piedi, per non disturbare le numerose sculture disseminate quà e là negli angoli più suggestivi del villaggio sarà possibile ammirare bambine con l’aquilone, maestri di musica, anziane donne trasportare pesanti sacchi a spalle e gioisi bambini fare la corsa coi sacchi.
 
chemp-museo-a-cielo-aperto

 

Museo a cielo aperto

Cercare di definire le opere d’arte di questo museo a cielo aperto è impresa ardua, poiché Pino unisce grande capacità descrittiva ed emozionale oltre che una grande fantasia che consente di trasformare il legno in foglie svolazzanti, un libro spiegazzato oppure un sacco consunto dal tempo.

chemp-museo-a-cielo-aperto

La fortuna più grande è sicuramente quella di incontrare il “maestro”, poter chiacchierare con lui e vedere dalle sue mani un tozzo di legno trasformarsi in qualcosa d’altro per la gioia di grandi e piccini.

Tra le vecchie case della frazione si incontrano le sculture più diverse… volpi, galline, farfalle ma anche una bambina con in mano un aquilone simbolo di fanciullezza e di libertà, un’anziana contadina che rievoca il passato o una piccola fiammiferaia. La scultura più toccante è il “Cristo che non c’è” posta all’ingresso del villaggio, un’immagine toccante a cui ognuno potrà dare la sua interpretazione.

 

Quando visitare Chemp

Non esiste una stagione ottimale per visitare questo villaggio, ognuna coi suoi colori regala atmosfere uniche e forti emozioni. L’autunno coi suoi molteplici colori dona al villaggio un’atmosfera piacevolmente decadente; la neve dell’inverno offre una bianca cornice alle opere d’arte; il tepore primaverile fa risvegliare i fiori nei prati ed infine il sole estivo fa brillare tutte le opere d’arte del villaggio.

 

chemp-museo-a-cielo-aperto

 

Per sostenere il recupero del villaggio di Chemp è stata istituita un’associazione: https://www.chemp.eu/

 

Contattami per una visita guidata